Pacchetto economia circolare Decreto Legislativo 3 settembre 2020 116

Definizione di rifiuto, come è cambiata col DL 3 settembre 2020, n.116

Le novità introdotte con il DL 3 settembre 2020, n. 116 (pacchetto economia circolare) modificano alcune definizioni contenute nel precedente art. 183. Di particolare rilevanza è la nuova definizione di rifiuti urbani a cui è collegata l’introduzione dei due nuovi allegati L-quater e L-quinquies e di conseguenza l’eliminazione definitiva dei rifiuti assimilabili agli urbani.


Definizione di rifiuto – Art. 183

Definizioni

Con le modifiche introdotte la definizione di rifiuto resta invariata “qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o abbia l’obbligo di disfarsi” (c.1 lettera a), così come quella di rifiuto pericoloso “rifiuto che presenta una o più caratteristiche di cui all’allegato I della parte quarta del presente decreto” (c.1 lettera b) e viene invece introdotta quella di rifiuto non pericoloso “rifiuto non contemplato dalla lettera b)” (c.1 lettera b-bis).

La definizione di rifiuto urbano è stata introdotta sempre al comma 1 alla lettera b-ter, rifiuti urbani:

  1. “i rifiuti domestici indifferenziati e da raccolta differenziata, ivi compresi: carta e cartone, vetro, metalli, plastica, rifiuti organici, legno, tessili, imballaggi, rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, rifiuti di pile e accumulatori e rifiuti ingombranti, ivi compresi materassi e mobili;
  2. i rifiuti indifferenziati e da raccolta differenziata provenienti da altre fonti che sono simili per natura e composizione ai rifiuti domestici indicati nell’allegato L-quater prodotti dalle attività riportate nell’allegato L-quinquies;
  3. i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade e dallo svuotamento dei cestini portarifiuti;
  4. i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua;
  5. i rifiuti della manutenzione del verde pubblico, come foglie, sfalci d’erba e potature di alberi, nonché i rifiuti risultanti dalla pulizia dei mercati;
  6. i rifiuti provenienti da aree cimiteriali, esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui ai punti 3, 4 e 5.”

Cosa cambia quindi con il D.L. 3 settembre 2020, n. 116

Rispetto quindi alla precedente versione della normativa sono ora rifiuti urbani:

  • i rifiuti della manutenzione del verde pubblico (gli sfalci e le potature derivanti dalla manutenzione del verde pubblico dei comuni) che prima rientravano nelle esclusioni dalla disciplina dei rifiuti di cui alla precedente versione dell’art. 185;
  • quei rifiuti indicati nell’allegato L-quater (cioè carta, plastica, legno, vetro, metalli, imballaggi, tessili, raee, ingombranti, ..) prodotti dalle attività elencate nell’allegato L-quinquies (quasi tutte le attività artigianali, commerciali e di servizio).

Con la lettera b-sexies) il legislatore specifica inoltre che: “i rifiuti urbani non includono i rifiuti della produzione, dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca, delle fosse settiche, delle reti fognarie e degli impianti di trattamento delle acque reflue, ivi compresi i fanghi di depurazione, i veicoli fuori uso o i rifiuti da costruzione e demolizione.”

La definizione di rifiuti organici (lettera d) è stata sostituita con il seguente testo: “rifiuti organici: rifiuti biodegradabili di giardini e parchi, rifiuti alimentari e di cucina prodotti da nuclei domestici, ristoranti, uffici, attività all’ingrosso, mense, servizi di ristorazione e punti vendita al dettaglio e rifiuti equiparabili prodotti dagli impianti dell’industria alimentare”. Il legislatore ha inoltre voluto introdurre la definizione di rifiuti alimentari: “tutti gli alimenti di cui all’articolo 2 del regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio che sono diventati rifiuti.”

Leggi anche Tutte le novità del pacchetto economia circolare

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Rifiutoo puoi iscriverti alla Newsletter oppure seguire Rifiutoo sui nostri social.

Leggi anche le altre notizie