registro carico scarico rifiuti

Il Registro di carico e scarico dei Rifiuti. Obblighi di Legge e modalità di tenuta

reIl registro di carico e scarico dei rifiuti può essere inteso come un vero e proprio registro di contabilità dei rifiuti. Costituisce fino alla piena operatività del Registro Elettronico Nazionale (REN) per la tracciabilità dei rifiuti, la base informativa per la compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD).


Indice


Soggetti obbligati alla tenuta del registro carico e scarico dei rifiuti

Sono obbligati alla tenuta del Registro di Carico e Scarico:

  • I soggetti che effettuano a titolo professionale attività di raccolta e trasporto rifiuti.
  • I soggetti che svolgono le operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti.
  • Commercianti e intermediari dei rifiuti senza detenzione degli stessi.
  • Imprese ed enti che producono rifiuti pericolosi.
  • Consorzi istituiti con le finalità di recuperare particolari tipologie di rifiuto.
  • Produttori iniziali (che hanno più di dieci dipendenti) di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali e artigianali oppure costituiti da fanghi di depurazione o di abbattimento fumi.
  • Gestore del servizio idrico integrato.
  • Autorità portuali, ove istituite, o autorità marittime per quanto riguarda i rifiuti prodotti dalle navi o da queste consegnati nei porti.

Soggetti esclusi dall’obbligo di tenuta del Registro di Carico e Scarico dei Rifiuti

Non sono obbligati alla tenuta del Registro di Carico e Scarico:

  • Produttori iniziali di rifiuti non pericolosi sopra indicati che non hanno più di dieci dipendenti.
  • Produttori di rifiuti non pericolosi diversi da quelli sopra indicati come ad esempio i produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da attività commerciali o di servizio, da attività di costruzione o demolizione, ecc…
  • I produttori di rifiuti pericolosi diversi da enti e imprese.
  • Gli imprenditori agricoli, produttori iniziali di rifiuti, limitatamente al trasporto dei propri rifiuti ai fini del conferimento degli stessi nell’ambito del circuito di raccolta organizzato dai consorzi.
  • I soggetti che raccolgono e trasportano rifiuti abilitati allo svolgimento delle attività medesime in forma ambulante, limitatamente ai rifiuti oggetto del loro commercio.
  • I produttori di rifiuti costituiti dal materiale proveniente dalla manutenzione ordinaria di sistemi di trattamento di acque reflue domestiche.
  • Le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi.
  • Le attività di gestione dei rifiuti costituiti da rottami ferrosi e non ferrosi in quanto gli obblighi connessi alla tenuta del Registro si ritiene adempiuto qualora vengano utilizzati i registri IVA di acquisto e di vendita.
  • Le organizzazioni nazionali dei produttori per la gestione dei propri rifiuti di imballaggio, le organizzazioni dei produttori per la restituzione dei propri imballaggi, le organizzazioni di produttori per la gestione dei pneumatici fuori uso e tutti i consorzi nazionali di raccolta.

Scopri qui Come compilare il Registro Carico Scarico rifiuti 

Modelli di Registro Carico e Scarico dei Rifiuti

Il Registro di Carico e Scarico è composto da fogli numerati e ne sono previsti due modelli definiti in base all’attività esercitata dal soggetto.

  • Modello A destinato ai produttori, trasportatori di rifiuti, recuperatori o smaltitori, nonché intermediari e commercianti detentori dei rifiuti.
  • Modello B destinato agli intermediari e commercianti non detentori dei rifiuti.

Gli obblighi connessi alla tenuta dei registri di carico e scarico si intendono comunque correttamente adempiuti anche qualora sia utilizzata carta formato A4. Nel caso, questa dev’essere regolarmente numerata e vidimata dalla Camera di Commercio territorialmente competente.

Tenuta del Registro con modalità informatiche

La tenuta dei registri può avvenire anche mediante modalità informatiche quindi con software gestionali. Infatti la compilazione e tenuta del Registro di Carico e Scarico e del Formulario può avvenire anche in formato digitale. In questo caso la relativa stampa dev’essere effettuata con la cadenza prevista per le diverse categorie di operatori e comunque in sede di verifica da parte degli organi di controllo. Si ricorda difatti che le informazioni contenute nel Registro devono essere rese disponibili in qualunque momento all’autorità di controllo che ne faccia richiesta.

Obblighi preliminari all’utilizzo del Registro di Carico e Scarico

L’utilizzo del Registro di Carico e Scarico Rifiuti dev’essere preceduto dalla compilazione del frontespizio dove saranno riportati i dati anagrafici relativi all’impresa.

I registri devono essere numerati e vidimati dalle Camere di Commercio territorialmente competenti, ovvero della Provincia in cui risiede dell’attività. Devono quindi essere gestiti secondo le procedure e modalità previste dalla normativa sui registri IVA.

Leggi anche Il Formulario Rifiuti. Obblighi di Legge, sanzioni e gestione del documento

Luoghi di conservazione del Registro Carico e Scarico

I registri devono essere tenuti presso:

  • Ogni impianto di produzione, stoccaggio, recupero e smaltimento rifiuti.
  • La sede delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto.
  • La sede dei commercianti e degli intermediari.
  • Il luogo di produzione dei rifiuti derivanti dalle attività di manutenzione delle infrastrutture effettuata direttamente dal gestore dell’infrastruttura a rete e degli impianti per l’erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi.

I soggetti obbligati alla tenuta del Registro di Carico e Scarico possono tenere un solo registro per le diverse attività di produzione, recupero o smaltimento, trasporto e intermediazione e commercio con detenzione dei rifiuti. In tal caso dovranno essere barrate sul frontespizio del registro le caselle corrispondenti alle diverse attività svolte. Qualora si tratti invece di più impianti all’interno di un medesimo stabilimento, ogni impianto deve disporre di un Registro di Carico e Scarico.

Tempi di registrazione sul Registro di Carico e Scarico

Le annotazioni sul Registro devono essere effettuate entro 10 giorni lavorativi dalla data di effettuazione rispettivamente di produzione, scarico, trasporto o transazione del rifiuto, a seconda di quale sia l’attività svolta. Per i soggetti che effettuano le operazioni di recupero o smaltimento, la registrazione deve avvenire entro 2 giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti.

Per quanto riguarda i tempi di conservazione, il registro, integrato con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, dev’essere conservato per 5 anni dalla data dell’ultima registrazione. Invece i registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica devono essere conservati a tempo indeterminato. Ciò perché al termine dell’attività (chiusura della discarica) devono essere consegnati alle autorità che ha rilasciato l’autorizzazione.

Integrazione tra Formulario e Registro di Carico e Scarico

Esiste un preciso rapporto di integrazione tra Formulario di Identificazione e Registro, che innanzitutto presuppone che essi siano conservati nello stesso luogo. Il rapporto si esprime attraverso annotazioni incrociate sui due documenti che permettono di crearne il legame e ricostruire l’origine ed il percorso del rifiuto.

Qui trovi Il Registro di carico e scarico. 3 informazioni utili

Nel Registro nella prima colonna il soggetto, quando si riporta l’operazione di Carico o Scarico, nel campo “Formulario n.” si deve riportare il codice identificativo del relativo Formulario e indicarne la data. Il codice identificativo del Formulario dev’essere riportato in corrispondenza dell’annotazione sul Registro dal:

  • produttore/detentore che effettua l’operazione di Scarico;
  • destinatario (autorizzato al trattamento) che effettua l’operazione di Carico;
  • eventuale trasportatore terzo.

Nel Formulario il numero progressivo dell’operazione si Carico o Scarico presente sul Registro dev’essere riportato nel campo “Numero Registro“.

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Rifiutoo puoi iscriverti alla Newsletter oppure seguire Rifiutoo sui canali social.

Leggi anche le altre notizie