Pacchetto economia circolare Decreto Legislativo 3 settembre 2020 116

Rifiuti organici: tutte le novità del DL 3 settembre 2020, n.116

Le novità introdotte vertono particolarmente sul processo e sul risultato delle attività di riciclaggio, compostaggio e digestione dei rifiuti organici. Con l’introduzione dell’art. 182-ter viene inoltre regolamentato il conferimento degli imballaggi biodegradabili e compostabili assieme ai rifiuti organici. Vediamo assieme le modifiche introdotte dal DL 3 settembre 2020 n.116.


Rifiuti organici – Art. 182-ter

Definizioni

L’articolo 182-ter è stato completamente sostituito da una nuova formulazione incentrata sul processo e sul risultato delle attività di riciclaggio, compostaggio e digestione dei rifiuti organici.

A tal proposito, il comma 1 recita: “Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero delle … favoriscono, nell’ambito delle risorse previste a legislazione vigente, il riciclaggio, ivi compresi il compostaggio e la digestione dei rifiuti organici, in modo da rispettare un elevato livello di protezione dell’ambiente e che dia luogo ad un prodotto in uscita che soddisfi pertinenti standard di elevata qualità. L’utilizzo in agricoltura è consentito per i soli prodotti in uscita conformi alla normativa vigente sui fertilizzanti.”

I commi 2 e 3, col fine di incrementare il riciclaggio dei rifiuti organici, introducono concetti come il compostaggio sul luogo di produzione (autocompostaggio o compostaggio di comunità – da regolmentarsi con apposito decreto), oppure la raccolta con contenitori a svuotamento riutilizzabili o con sacchetti compostabili certificati a norma UNI EN 13432-2002.

Imballaggi biodegradabili e compostabili

Gli imballaggi, aventi analoghe proprietà di biodegradabilità e compostabilità rispetto ai rifiuti organici possono essere raccolti e riciclati assieme a patto che vengano rispettate le condizioni di cui al comma 6:

“a) siano certificati conformi, da organismi accreditati, allo standard europeo EN 13432 per gli imballaggi recuperabili mediante compostaggio e biodegradazione, o allo standard europeo EN14995 per gli altri manufatti diversi dagli imballaggi;

b) siano opportunamente etichettati e riportino, oltre alla menzione della conformità ai predetti standard europei, elementi identificativi del produttore e del certificatore nonché idonee istruzioni per i consumatori di conferimento di tali rifiuti nel circuito di raccolta differenziata e riciclo dei rifiuti organici;

c) entro il 31 dicembre 2023 siano tracciati in maniera tale da poter essere distinti e separati dalle plastiche convenzionali nei comuni impianti di selezione dei rifiuti e negli impianti di riciclo organico.”

Leggi anche Tutte le novità del pacchetto economia circolare

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Rifiutoo puoi iscriverti alla Newsletter oppure seguire Rifiutoo sui nostri social.

Leggi anche le altre notizie