Pacchetto economia circolare Decreto Legislativo 3 settembre 2020 116

Come cambia la classificazione dei rifiuti dopo il DL 3 settembre 2020, n.116

In ragione della variazione della definizione di rifiuti urbani vengono modificate anche le definizioni di rifiuti speciali (art. 184 c. 3) e l’attribuzione del codice EER (art.184 c.5). Il DL 3 settembre 2020, n.116 – pacchetto economia circolare modifica anche l’art. 185 relativo alle esclusioni dal titolo IV del D.Lgs. n. 152/2006. Scopriamo assieme cosa cambia nella prassi di classificazione dei rifiuti.


Definizioni – art. 184

Rifiuti urbani – modifica comma 2)

La nuova formulazione rimanda alla definizione di cui all’art. 183 c.1 lettera b-ter.

Rifiuti speciali – modifica comma 3)

Con le modifiche di cui al D.L. 3 settembre la nuova definizione di rifiuto speciale deve include:

“a) i rifiuti prodotti nell’ambito delle attività agricole, agro-industriali e della silvicoltura, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2135 del codice civile (definizione di imprenditore agricolo), e della pesca;
b) i rifiuti prodotti dalle attività di costruzione e demolizione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall’articolo 184-bis (definizione di sottoprodotto);”

Sono inoltre rifiuti speciali, se diversi da quelli urbani (comma 2 art. 183):

“c) i rifiuti prodotti nell’ambito delle lavorazioni industriali;
d) i rifiuti prodotti nell’ambito delle lavorazioni artigianali;
e) i rifiuti prodotti nell’ambito delle attività commerciali;
f) i rifiuti prodotti nell’ambito delle attività di servizio;”

Infine sono classificati come rifiuti speciali:

“g) i rifiuti derivanti dall’attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue, nonché i rifiuti da abbattimento di fumi, dalle fosse settiche e dalle reti fognarie;
h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie se diversi da quelli all’articolo 183, comma 1, lettera b-ter);
i) i veicoli fuori uso.”

Classificazione dei rifiuti | Attribuzione del codice EER – Art. 184 c.5

Il comma 5 dell’art. 184 rimane sostanzialmente invariato (nella forma) se non per la sostituzione dell’ultimo periodo (Con decreto del Ministero dell’ambiente… … agli allegati D e I.) con una nuova formulazione. Col fine di rendere più chiaro il comma 5 si è ritenuto opportuno riportare di seguito l’intera nuova formulazione.

“L’elenco dei rifiuti di cui all’allegato D alla parte quarta del presente decreto include i rifiuti pericolosi e tiene conto dell’origine e della composizione dei rifiuti e, ove necessario, dei valori limite di concentrazione delle sostanze pericolose. Esso è vincolante per quanto concerne la determinazione dei rifiuti da considerare pericolosi. L’inclusione di una sostanza o di un oggetto nell’elenco non significa che esso sia un rifiuto in tutti i casi, ferma restando la definizione di cui all’articolo 183. L’elenco dei rifiuti di cui all’allegato D alla parte quarta del presente decreto include i rifiuti pericolosi e tiene conto dell’origine e della composizione dei rifiuti e, ove necessario, dei valori limite di concentrazione delle sostanze pericolose. Esso è vincolante per quanto concerne la determinazione dei rifiuti da considerare pericolosi. L’inclusione di una sostanza o di un oggetto nell’elenco non significa che esso sia un rifiuto in tutti i casi, ferma restando la definizione di cui all’articolo 183.

La corretta attribuzione dei Codici dei rifiuti e delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti è effettuata dal produttore sulla base delle Linee guida redatte, entro il 31 dicembre 2020, dal Sistema nazionale per la protezione e la ricerca ambientale ed approvate con decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano. Il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare notifica immediatamente alla Commissione europea i casi di cui all’articolo 7 della direttiva 2008/98/CE e fornisce alla stessa tutte le informazioni pertinenti.”

Le Linee guida citate nel decreto sono già state approvate con delibera del Consiglio SNPA n. 61/2019 (ma non con Decreto ministeriale) e sono consultabili a questo link: https://www.snpambiente.it/2020/03/12/linee-guida-sulla-classificazione-dei-rifiuti/

Si ritiene tuttavia opportuno segnalare che le suddette linee guida, pur costituendo un valido strumento tecnico, differiscono in parte dalle linee guida contenute nella Comunicazione della Commissione — Orientamenti tecnici sulla classificazione dei rifiuti (2018/C 124/01).

Pertanto, sino all’emanazione del Decreto ministeriale di approvazione delle Linee guida SNPA, la procedura da seguire per la corretta classificazione dei rifiuti è quella contenuta nella Comunicazione 2018/C 124/01.

Esclusioni dalla disciplina dei rifiuti – Art. 185

Con la nuova stesura del testo ambientale sono stati rimossi dalle esclusioni “per legge” gli “gli sfalci e le potature derivanti dalla manutenzione del verde pubblico dei comuni” che troviamo ricompresi nella nuova definizione di rifiuti urbani (art. 183 c.1 lettera b-ter).

Restano sempre escluse dalla parte IV del d.lgs. 152/2006 (t.u. ambientale) le materie indicate ai commi 1, 2, 3 e 4.

Entrano invece a pieno titolo nelle esclusioni di cui all’art. 185 le “sostanze destinate a essere utilizzate come materie prime per mangimi di cui all’articolo 3, paragrafo 2, lettera g), del regolamento (CE) n. 767/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio e che non sono costituite nè contengono sottoprodotti di origine animale.”

 

Leggi anche Tutte le novità del pacchetto economia circolare

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Rifiutoo puoi iscriverti alla Newsletter oppure seguire Rifiutoo sui nostri social.

Leggi anche le altre notizie